Due vite a vela

Una barca per casa

Tra un imbarco e l’altro passano i mesi e il desiderio di una barca tutta nostra è sempre più forte.

Pur risparmiando il più possibile rimane un’utopia.  Ci chiediamo continuamente quando riusciremo a fare il grande passo? ma la risposta è sempre la stessa…è troppo impegnativo per noi…

Ogni giorno guardiamo con malinconia le foto scattate durante una traversata o una semplice uscita domenicale.

Un giorno una frase detta quasi per scherzo cambia la nostra vita…

Passeggiamo tranquilli al porto e Candy si ferma.

La sua attenzione è catturata da una barca battente banidiera australiana con a bordo una famiglia con padre, madre e due bambini.

Un sorriso appare sulle sue labbra e con un respiro profondo, mi stringe la mano e mi dice: “Ma…se andassimo a vivere in barca anche noi???”

Resto in silenzio un attimo e poi le rispondo: “Bhe… perchè no!” e scoppiamo a ridere come due matti!

Sembra una battuta scherzosa, ma quella frase continua a riecheggiare nella mia testa. Appena a casa ricerco informazioni, testimonianze, racconti di persone che come noi avervano fatto di un sogno la loro vita.

Compriamo libri, seguiamo navigatori su internet, partecipiamo anche a seminari tenuti da persone che giravano il mondo in barca a vela e adorano raccontare le loro esperienze a sognatori come noi…

Tutte bellissime esperienze…che ci portano alla fatidica decisione, folle per i nostri amici e parenti ma entusiasmante per noi…

Deciso! Andremo a vivere in barca…dobbiamo “solo” vendere la casa dove viviamo e finanziare l’acquisto del nostro sogno..

E’ giunto il momento di cercare uno scafo adatto alle nostre esigenze e soprattutto alle nostre tasche.  Quindi iniziamo a leggere annunci e organizzare gite in cantieri navali.

Capiamo rapidamente che per un usato in buone condizioni ci vuole fortuna e che il nuovo rimane un’utopia.

Vediamo scafi di grandi e piccoledimensioni, costosissimi e non, spesso in condizioni precarie o addirittura abbandonati per 11 mesi all’anno…

Conosciamo periti, poi divenuti amici, che sconsigliano alcuni scafi indicandoci cosa osservare durante una visita a bordo.

Ogni volta che troviamo qualcosa che ci piace non c’è modo di accordarsi sul prezzo e quando il prezzo è ragionevole le condizioni della barca non è vivibile a breve termine.

Poi…come avviene solo (o quasi) nelle favole, veniamo a sapere che c’è in vendita uno scafo abbastanza recente e in condizioni discrete proprio in un cantiere accanto al porto nel quale abbiamo passato tante ore… Proviamo a contattare il proprietario, Antonio che ci dà appuntamento per la visita la settimana successiva…

Non stiamo più nella pelle.  Quel giorno arriviamo al cantiere così presto da trovarlo ancora chiuso. Nell’attesa cerchiamo di capire quale possa essere l’albero giusto.  Finalmente arriva Antonio, proprietario anche del cantiere, che sorridendo ci viene incontro.

Dopo una forte stretta di mano, che rende tutto più informale, ci invita a dare le spalle al cantiere, ad alzare lo sguardo presentandoci “PERSEUS II”!

Sailor

Immagine 046 Immagine 008

Salva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.